PLANTIGRADO REDUX

18297222_1703806679757946_537292431_oIl 3 maggio 2017 (ma climaticamente poteva anche essere il 3 novembre) i Chiostri dell’Umanitaria di Milano hanno visto l’uscita del Plantigrado dalle pagine di Califia e I labili confini e la sua calata tra il pubblico, che ha reagito con scarso spavento e buona tolleranza alla lettura integrale dei due poemetti.
Tenendo fede al suo nome, l’autore a pezzi ve ne regala qui alcuni brani, in cui lui stesso, tra accendini Zippo, Panama, fiaschette da whiskey piene di sciroppo per la tosse (causa maltempo), microfoni testardi, musiche noir e maschere di cartone, cerca di dare vita, gesti e parole a un personaggio che spera lo accompagnerà a lungo.
Buona multipla visione.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...