Morte di un giovane coguaro

image

Lunedì 10 agosto, sulla Interstate 5 vicino a Castaic, California, il giovane puma noto alle autorità forestali e a una certa parte del pubblico (me compreso) con la sigla P-32 moriva investito da un’auto. P-32, ritratto qui sopra dall’obbiettivo dei ricercatori, era monitorato come tutti gli esemplari della sua specie che ancora vivono e si aggirano per le foreste e le colline intorno a Los Angeles. Era una sorta di celebrità locale per il numero di volte in cui aveva sfidato illeso il traffico, attraversando con sprezzo del pericolo e una buona dose di comprensibile disperazione strade statali e autostrade nel tentativo di riguadagnare a sé un territorio sempre più usurpato dalla nostra notoria invadenza. La notizia, letta qualche giorno dopo il fatto sull’edizione online del Los Angeles Times, mi ha rattristato e impoverito a più di un livello, da quello meramente umano (con relativo senso di colpa) a quello mitologico-simbolico, e ne è scaturita l’elegia che vi somministro di seguito, in cui l’unica licenza poetica che mi sono concesso è stata quella di trasformare l’automobile fatale in un metaforico autoarticolato alla Duel.

So long, my daring, dashing imaginary friend.


Elegia per P-32

Non ti hanno lasciato diventare adulto,

i bisonti della strada lanciati nell’alba

verso il punto illusorio in cui i due lati

sembrano congiungersi dell’arteria

asfaltata che pompa a ciclo continuo

il sangue necessario alla nostra implacabile

avanzata in questa terra non più tua,

quelle duecento miglia quadrate che hai bisogno

di percorrere marcare reclamare

per incrociare il cervo che sostenta

la polla d’acqua che riflette

la foresta di Los Padres che accoglie,

nasconde e parla le mille lingue degli uccelli.

 

Travolto dall’acciaio lanciato lungo la mediana

che non ti poteva parlare o intimare la pausa,

l’attesa del passaggio di mandria ignota

e immangiabile, hai messo fine

senza neanche saperlo

alla tua epica di scatti e coraggio

di sfide alle cariche di mostri indecifrabili

di bocche lucenti con zanne tutte uguali

zampe nere roteanti

ruggiti costanti e monocordi:

un conto alla rovescia calcolato da nessuno,

nemmeno da coloro che senza sospettarne l’ironia

ti hanno dato una sigla numerica

che sembra appartenere  più a un computo stradale

che animale: dalla 118 che valica il passo

di Santa Susana alla 101 di miti non tuoi,

dalla 26 che termina nel nome del pioniere

alla 23 che riconduce al mare

per incontrare la fine sulla 5

che avrebbe potuto incoronarti re dell’asfalto.

 

Così non è stato, e del mistero e portento

del tuo andare e venire ora non resta

che il percorso, ridicolo al confronto,

di questa penna sul foglio,

di questa nostalgia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...